sabato 22 marzo 2014

Mercurio ed altri metalli pesanti: ecco gli alimenti che aiutano ad eliminarlo dal corpo !!

zzz
Uno dei problemi più frequenti e dannosi per il nostro organismo in tempi di grande inquinamento ambientale e alimentare come questo è l’accumulo nel nostro corpo di metalli pesanti. Mike Adams del Natural News Forensic Food Labs ha portato avanti nei mesi scorsi un’interessante ricerca per capire quali alimenti possono aiutarci a chelare meglio il mercurio e dunque poterlo eliminare più facilmente dal nostro organismo.

Ricorda il ricercatore che, purtroppo, il mercurio si trova nei vaccini, nelle vecchie otturazioni dentali, nei cibi OGM, nei pesticidi, nel pesce, ecc. Come possiamo proteggerci allora da questo pericoloso metallo? Il segreto a detta di Adams, sta nella potenza di alcune sostanze naturali che, al momento della digestione, si legano con il mercurio e gli altri metalli pesanti, riuscendo così a catturali ed eliminarli, impedendone l’assorbimento.
Finora, lo studioso ha sperimentato l’effetto sul mercurio di oltre 1000 sostanze in particolare fibre, quella dello Psyllio, della gomme di Guar e di diversi frutti. Una delle fibre più efficaci a chelare il mercurio si è mostrata quella della fragola, capace di bloccare oltre il 95% di mercurio nel corpo. L’esperimento è stato fatto aggiungendo il mercurio alla soluzione di acido gastrico in un simulatore di digestione umana.
Siete curiosi di scoprire quali altre sostanze possono essere utili a chelare il mercurio, grazie all’effetto spugna? Ecco l’elenco stilato da Adams con relativa percentuale di assorbimento di questo metallo:
Chlorella: 99 %
Proteine della canapa: 98 %
Burro di arachidi: 96 % (grazie alla sua vischiosità)
Fragole : 95 %
Foglie di Coriandolo: 95 %
Lamponi : 92 %
Cacao in polvere : 91 %
Erba di grano: 90 %
Granola di cocco e cereali : 89 %
Erba d’orzo : 89 %
Bacche di Acai : 88%
Farina di frumento : 86 %
Polvere di Nori: 85 %
Spirulina: 83 %
Mirtilli : 83 %
Mango : 73 %
Senape : 72 %
Succo d’arancia : 54%
Riso integrale : 53 %
Barbabietole : 20 %
Zeolite : 9 %
Alcune sono di uso comune e possiamo quindi semplicemente inserirle più spesso nella nostra alimentazione quotidiana.
http://curiosity2013.altervista.org/

Nessun commento:

Posta un commento